Lingua e cultura italiana (LiCI)

Il corso di laurea triennale in Lingua e cultura italiana mira a sviluppare una solida formazione umanistica sotto il profilo linguistico, filologico, storico, letterario, geografico e artistico; una conoscenza approfondita della lingua italiana di tipo grammaticale, sociolinguistico, pragmatico e storico; competenze linguistiche e interculturali per l’insegnamento e la promozione dell’italiano.

Il corso si articola in due curricula:

il curriculum in Lingua e cultura italiana per l’insegnamento (LiCI-In) è progettato per formare insegnanti di lingua e cultura italiana a stranieri. A questo scopo fornisce una specifica e solida preparazione negli ambiti linguistico, filologico, glottodidattico, e specifiche competenze linguistiche e interculturali per l’insegnamento dell’italiano come lingua seconda.

il curriculum in Promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo (LiCI-P) forma operatori nel campo della promozione della lingua, della cultura e della civiltà italiana che potranno operare in ambiti quali scuole, aziende, istituti italiani di cultura, ambasciate, istituzioni culturali, fondazioni, musei. Altra figura professionale delineata da tale curriculum è quella del facilitatore linguistico-culturale, profilo che unisce alla preparazione umanistica, l’acquisizione di conoscenze in ambito economico-giuridico e l’apprendimento di lingue straniere, europee ed orientali, funzionali all’acquisizione di competenze interlinguistiche e interculturali.

Obiettivi formativi
  • acquisire una conoscenza approfondita della lingua e della cultura italiana attraverso un approccio interdisciplinare
  • approfondire la conoscenza della storia dell’arte e della letteratura italiana e dei relativi influssi sulla cultura europea
  • sviluppare una formazione di carattere metodologico, teorico e critico negli studi filologici e linguistici di area italiana e romanza
  • acquisire la conoscenza di fenomeni storici internazionali con particolare attenzione all’Italia
  • conoscere la lingua come oggetto di indagine empirica e i suoi livelli di strutturazione (fonetico, morfologico, sintattico e semantico)
  • sviluppare competenze nell’ambito della glottodidattica e della comunicazione interculturale
  • sviluppare un adeguato metodo di analisi critica di fatti/testi storico-letterari e opere artistiche
  • acquisire la conoscenza dell’inglese e dello spagnolo e di una lingua extraeuropea a scelta

Sbocchi professionali

Il laureato potrà operare nell’ambito dell’insegnamento e della promozione della lingua e della civiltà italiana e della mediazione linguistico-culturale, nonché nell’ambito dei beni culturali e della cooperazione internazionale. Contesti lavorativi di riferimento saranno istituzioni scolastiche e universitarie all’estero, sedi diplomatiche italiane, istituzioni e imprese che operano a livello transnazionale, nonché aziende, enti locali, associazioni e organismi non-profit in Italia.

Il laureato potrà ricoprire diversi ruoli:

  • insegnante d’italiano come lingua non materna in enti privati in Italia e in istituzioni pubbliche e private all’estero
  • esperto linguistico di supporto alla didattica
  • mediatore linguistico-culturale in scuole pubbliche e private in Italia e all’estero
  • consulente presso istituzioni impegnate nella promozione della lingua e della cultura italiana


La Laurea è conseguita al termine del Corso di Laurea. A coloro che conseguono la Laurea compete il titolo di dottore (Art. 4 Regolamento didattico di Ateneo).

In base alla convenzione stipulata con l’Università della Lorena (Francia), è attivato anche un percorso di doppio diploma, che prevede il conseguimento sia della laurea LiCI, rilasciata dall’Università per Stranieri di Perugia, sia della Licence (MEEF) rilasciata dall’Università della Lorena (sede di Nancy).