Segnalazioni

Qualunque soggetto, dipendente dell'Ateneo o assimilato secondo quanto indicato nelle Linee Guida adottate da ANAC con Delibera n. 469 del 9 giugno 2021, voglia segnalare un fatto che ritenga rilevante ai fini della prevenzione di eventuali episodi di corruzione nell'Università, è abilitato a farlo attraverso una segnalazione al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.

Nelle more dell’implementazione di una procedura informatizzata, la segnalazione è operabile attraverso trasmissione cartacea in busta chiusa indirizzata «Al RPCT dell’Università per Stranieri di Perugia, Piazza Fortebraccio 4, 06123, Perugia (PG)» con dicitura «Riservata/Personale». L’invio in detto modo garantisce che l’identità del segnalante e il contenuto della segnalazione saranno accessibili esclusivamente al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.

Si ricorda che i dipendenti dell’Università debbono segnalare al RPCT situazioni di anomalia che configurino la possibilità di un rischio probabile di corruzione in ragione del rapporto di lavoro. Il RPCT può tenere anche conto di segnalazioni spontanee non anonime provenienti da eventuali portatori di interesse, sufficientemente circostanziate, che evidenzino situazioni di anomalia e configurino la possibilità di un rischio probabile di corruzione.

Qualora tali corrispondenze rechino la chiara dicitura «Segnalazione di illecito corruttivo», la loro gestione sarà totalmente a carico del RPCT; eventuale altro personale coinvolto nell’istruttoria, a ciò appositamente istruito e autorizzato, sarà tenuto alla più rigorosa riservatezza, la cui eventuale violazione configura grave illecito disciplinare. Si segnala infine che le segnalazioni dei dipendenti sono sottratte all’accesso previsto dagli artt. 22 e seguenti della legge n. 241/90 e godono delle speciali garanzie di cui all’art. 54-bis del d.lgs. 165/01.

Il Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza
Dott.ssa Emanuela Silveri


 Informativa sul trattamento dei dati personali dei soggetti che segnalano illeciti ai sensi dell’art. 54bis del D.Lgs. 165/01 – art. 13 Regolamento UE 2016/679 (GDPR)