Segnalazioni

Questo spazio è a disposizione di chiunque, dipendente dell'Ateneo o soggetto esterno, voglia segnalare un fatto che ritiene rilevante ai fini della prevenzione di eventuali episodi di corruzione nell'Università, secondo la vasta accezione di questo termine accolta dal vigente Piano Triennale per la prevenzione della corruzione.

La segnalazione operata attraverso questo spazio garantisce che l’identità del segnalante e il contenuto della segnalazione saranno accessibili esclusivamente al Responsabile della Prevenzione della Corruzione, dott. Simone Olivieri.
A tal fine, si ricorda che i dipendenti dell’Università debbono segnalare al Responsabile della Prevenzione della Corruzione situazioni di anomalia che configurino la possibilità di un rischio probabile di corruzione in ragione del rapporto di lavoro. Inoltre, Il Responsabile delle Prevenzione della Corruzione può tenere anche conto di segnalazioni spontanee non anonime provenienti da eventuali portatori di interesse, sufficientemente circostanziate, che evidenzino situazioni di anomalia e configurino la possibilità di un rischio probabile di corruzione.

Rimane comunque disponibile la possibilità di procedere a segnalazioni per via postale, o via e-mail all’indirizzo di posta elettronica anticorruzione@unistrapg.it. Qualora tali corrispondenze rechino la chiara dicitura “Segnalazione di illecito corruttivo”, la loro gestione sarà totalmente a carico del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e tutto il personale eventualmente coinvolto sarà tenuto alla più rigorosa riservatezza, la cui eventuale violazione configurerà grave illecito disciplinare. Si segnala infine che le segnalazioni dei dipendenti sono sottratte all’accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge n. 241/90 e successive modificazioni, e godono delle ulteriori speciali garanzie poste dalla vigente normativa.

Il responsabile per la prevenzione della Corruzione
dott. Simone Olivieri

I file devono pesare meno di 2 MB.
Tipi di file permessi: gif jpg jpeg png pdf.