Progetto LAUREATI PER L’ITALIANO per l’invio presso Università Straniere di formatori con specifiche competenze didattico-metodologiche nell’insegnamento dell’italiano come lingua straniera

bandiera italiana

È indetta una selezione comparativa per titoli riservata a laureati magistrali delle Università italiane per svolgere attività di insegnamento della lingua italiana presso Università all’estero.

Per l’ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:
1) essere madrelingua italiano/a;
2) essere in possesso della Laurea in una delle seguenti classi di Laurea
- LM 14 FILOLOGIA MODERNA
- LM 36 LINGUE E LETTERATURE DELL’AFRICA E DELL’ASIA
- LM 37 LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROPEE E AMERICANE
- LM 38 LINGUE MODERNE PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE -
INTERNAZIONALE
- LM 39 LINGUISTICA
o classe di laurea vecchio ordinamento equivalente
3) aver sostenuto nel proprio percorso di studi (Laurea e Post-Laurea) almeno 36 CFU nei seguenti settori scientifico-disciplinari: 12 CFU nel settore L-LIN/01-12 CFU nel settore L-LIN/02
12 CFU nel settore L-FIL-LET/12
4) avere esperienza di insegnamento della lingua italiana a stranieri documentata per almeno 500 ore;
5) avere un indirizzo di posta elettronica certificata
6) non essere in servizio con contratto a tempo indeterminato

Non è previsto un limite di età (anche se alcuni sedi possono stabilire requisiti specifici). Gli incarichi sono annuali e le condizioni contrattuali sono specifiche per ciascuna sede di destinazione.

Scadenza: 29 gennaio 2017

Decreto Graduatoria Bando Laureati per l'italiano 2017
Elenco esclusi per mancanza dei requisiti
Elenco esclusi per invio candidatura non conforme

NOTA BENE: Il MAECI, tramite la pec dgsp07.linguaitaliana@cert.esteri.it, chiederà a coloro ai quali è già assegnata la sede (come da graduatorie pubblicate) di confermare il prima possibile l’accettazione della sede assegnata.  Si fa presente quanto già indicato nel bando: la graduatoria e l’elenco dei candidati, corredati da copia del CV di ciascuno, sarà fornito al Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale e da questo alle Università richiedenti. Queste ultime provvederanno a contattare direttamente i candidati selezionati per la stipula del contratto di lavoro che sarà redatto secondo la legislazione del paese in cui si trova l’Università. 

Si specifica che il ruolo delle Università per Stranieri di Perugia e di Siena e dell’Università di Roma TRE si esaurirà nella comunicazione di assegnazione della sede e nella consegna al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale di tutta la documentazione della selezione. 

Non è responsabilità delle suddette Università la gestione della fase di assunzione nei diversi paesi. 

Ugualmente si specifica che il ruolo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale è un ruolo di mediazione e di messa in contatto del candidato con la sede di lavoro finale. Il contratto (incluse clausole specifiche sulla tassazione in vigore in quel paese) sarà stipulato  fra docente e Università locale e fino a quando tale contratto non è sottoscritto entrambe le parti non sono vincolate da alcun impegno. 

In caso di rifiuto della sede assegnata non verrà proposta una seconda scelta.

- NOTA 1 

Si fra presente che, come da comunicazione ricevuta dal MAECI, l’University of Khartoum in Sudan ha ritirato la propria disponibilità.

- NOTA 2

La sede della Bielorussia verrà assegnata in un secondo momento.

- NOTA 3 

I candidati non presenti in graduatoria sono stati esclusi:

- per invio della candidatura non conforme alle modalità indicate dal bando (art. 4);

- per mancanza di uno o più dei 6 requisiti richiesti (art. 2). "

..........................................................................................................................

Bando e modulo di domanda
All.A Schede Paesi

NOTA
I documenti che come da bando si richiede di allegare al modulo on line vanno invece allegati alla pec. Il modulo on-line va comunque compilato. Chi riscontrasse problemi ad aprire il modulo on-line può tentare utilizzando un altro browser. Se tale problema dovesse persistere si prega di segnalarlo, dopo aver fatto l'invio pec entro i termini del bando, scrivendo a: management@unistrasi.it