Esoneri per reddito e per merito

Esoneri dalle tasse di iscrizione ai corsi di laurea

Esoneri parziali per reddito

Gli studenti che non dichiarano annualmente il proprio valore ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente specifico per l’Università) relativo alla condizione economica familiare, sono collocati d’ufficio nella massima fascia contributiva.

Per ottenere l’esonero parziale dal pagamento delle tasse e contributi universitari mediante inserimento nelle fasce di reddito inferiori alla fascia di massima contribuzione, previste per la determinazione delle tasse e dei contributi dovuti, gli studenti devono dichiarare il proprio indicatore ISEE con le modalità indicate nel Manifesto degli studi.

Per determinare l’indicatore ISEE gli studenti devono rivolgersi ad un Centro di Assistenza Fiscale (CAF). L'Università non offre alcuna attività di assistenza nel calcolo dell’ISEE.

Il termine ultimo per la consegna della dichiarazione dell’ISEE è fissato alla stessa data di scadenza prevista per l’immatricolazione/iscrizione: 14 ottobre 2016. È consentita la dichiarazione tardiva solo se presentata unitamente e contestualmente alla immatricolazione/iscrizione tardiva. L’Università si riserva di controllare la veridicità delle dichiarazioni prodotte dagli studenti avvertendo che saranno perseguite a norma di legge le dichiarazioni mendaci.

Gli studenti stranieri, allo stesso modo degli italiani, qualora ritengano di essere nelle condizioni di reddito tali da poter ottenere una riduzione parziale delle tasse e contributi universitari, sono tenuti a presentare al momento della regolarizzazione della loro immatricolazione l’attestazione ISEE. A tale scopo gli studenti stranieri dovranno richiedere una dichiarazione all’Ambasciata o al Consolato competente che attesti:

  • la composizione del nucleo familiare convenzionale
  • la cittadinanza e la residenza dello studente
  • l’ammontare dei redditi percepiti all’estero e il valore del patrimonio mobiliare disponibile all’estero per ciascun membro del nucleo familiare convenzionale con l'indicazione delle relative superfici

Studenti esclusi dalla riduzione parziale per condizione economica (pertanto esentati dal produrre l'ISEE):

  1. gli studenti già in possesso di un titolo di studio universitario (esclusi Master) acquisito in Italia, di livello uguale o superiore a quello conseguibile con il Corso di laurea per cui è chiesta l’immatricolazione o l'iscrizione ad anni successivi al primo
  2. gli studenti di cui agli artt. 14, 17.1, 17.4, 17.7 e 22 del Manifesto degli studi
  3. gli studenti che hanno provveduto al pagamento della I rata delle tasse e contributi universitari senza autocertificare o produrre l'attestazione ISEE
  4. gli studenti che non ne hanno fatto richiesta nei tempi e con le modalità previste dal Manifesto degli studi

Esoneri parziali per merito

Per gli immatricolati nell’anno accademico 2016-2017 non sono previsti esoneri per merito.

Per studenti iscritti ad anni di corso successivi al primo, il calcolo del merito dello studente si basa su due parametri: il voto medio riportato e il numero di crediti conseguiti. Il voto medio è la media dei voti di tutti gli esami che ogni studente regolarmente iscritto ha sostenuto dall’immatricolazione/iscrizione al primo anno di corso fino al 14 ottobre 2016. Per numero di crediti conseguiti si intendono tutti i crediti formativi previsti dal piano di studi statutario dall’immatricolazione/iscrizione al primo anno di corso fino al 14 ottobre 2016. Dal calcolo della media dei voti e del numero dei crediti conseguiti vanno esclusi le prove di idoneità e quelle la cui valutazione non è espressa in trentesimi, gli esami convalidati e dispensati.

Valutazione del Merito

La riduzione parziale per merito (Euro 100,00) è applicabile sull'importo della III rata delle tasse e contributi universitari, nel caso che tale importo sia pari o superiore alla riduzione stessa. Nell'ipotesi che la III rata sia di importo inferiore, verrà decurtata la cifra disponibile e non si darà luogo ad alcun tipo di rimborso dell'eventuale eccedenza.

Beneficiano di questa riduzione gli studenti che, con una media pari o superiore a 27/30, abbiano conseguito tutti i crediti formativi relativi agli insegnamenti obbligatori, compresi quelli a scelta dello studente, previsti dal piano di studi statutario, dall’immatricolazione/iscrizione al primo anno di corso fino al 14 ottobre 2016.

L'esonero parziale per merito non è previsto per:

  1. gli studenti già in possesso di un titolo di studio universitario (esclusi Master) acquisito in Italia di livello uguale o superiore a quello conseguibile con il Corso di laurea per cui è chiesta l'immatricolazione o l’iscrizione ad anni successivi al primo
  2. gli studenti trasferiti da altra sede universitaria e gli studenti che abbiano effettuato un passaggio di corso
  3. gli studenti fuori corso
  4. gli studenti di cui agli artt. 14, 17.1, 17.2, 17.3, 17.4, 17.5, 17.6, 17.7 e 22 del Manifesto degli studi
  5. gli studenti che si immatricolano o si iscrivono al primo anno di un corso di laurea nell’a.a. 2016-2017
  6. gli studenti che beneficiano di borse di studio ADISU e altri enti
  7. gli studenti che non ne abbiano fatto richiesta nei tempi e con le modalità previste dal Manifesto degli studi

L’esonero parziale per merito non è cumulabile con l'esonero parziale per studente lavoratore e con l'esonero parziale per studenti con familiari iscritti all'Ateneo.

Esoneri parziali per studenti lavoratori

Agli studenti che svolgono in Italia una documentata attività lavorativa viene concessa, previa verifica dell’Ateneo (richiesta da presentare entro i termini previsti per l’iscrizione), una riduzione di Euro 100,00 dal totale delle tasse e contributi dovuti. Tale riduzione è applicabile sull'importo della III rata delle tasse e contributi universitari, nel caso che tale importo sia pari o superiore alla riduzione stessa. Nell'ipotesi che la III rata sia di importo inferiore, verrà decurtata la cifra disponibile e non si darà luogo ad alcun tipo di rimborso dell'eventuale eccedenza.

Sono esclusi dalla riduzione:

  1. gli studenti di cui agli artt.14, 17.1, 17.3, 17.4, 17.5, 17.6, 17.7 e 22 del Manifesto degli studi
  2. gli studenti che beneficiano di borse di studi ADISU e altri enti
  3. gli studenti che non ne abbiano fatto richiesta nei tempi e con le modalità previste dal Manifesto degli studi

L’esonero parziale per studenti lavoratori non è cumulabile con l'esonero parziale per merito e con l'esonero parziale per studenti con familiari iscritti all'Ateneo.

La richiesta di esonero parziale per lavoro va presentata entro il 14 ottobre 2016. È consentita la richiesta tardiva solo se presentata contestualmente alla iscrizione tardiva e, comunque, per gravi e giustificati motivi.

Esoneri parziali per studenti con familiari iscritti all'Ateneo

Agli studenti che abbiano un fratello/sorella o un genitore già iscritto o immatricolato a corsi dell'Ateneo, appartenenti al medesimo stato di famiglia e abbiano la medesima residenza anagrafica, viene concessa una riduzione di Euro 100,00 sull'importo della III rata delle tasse e contributi universitari nel caso che tale importo sia pari o superiore alla riduzione stessa. Nella ipotesi che la III rata sia di importo inferiore, verrà decurtata la cifra disponibile e non si darà luogo ad alcun tipo di rimborso dell'eventuale eccedenza.

La riduzione è applicabile ad entrambi gli studenti.

L'esonero parziale per studenti con familiari iscritti all'Ateneo non è cumulabile con l'esonero parziale per studente lavoratore e con l'esonero parziale per merito.

Esoneri totali dalle tasse e contributi

A richiesta, previa valutazione dell’Ateneo, esoneri dal pagamento della tassa d'iscrizione e dei contributi universitari per la partecipazione ai Corsi di laurea/laurea magistrale possono essere concessi a:

  1. studenti stranieri beneficiari di borse di studio del Governo italiano nell'ambito di programmi di cooperazione allo sviluppo e di accordi intergovernativi culturali e scientifici (previa presentazione di documentazione conprovante l'assegnazione della borsa di studio)
  2. studenti con invalidità pari o superiore al 66%, previa presentazione di apposita autocertificazione, da effettuarsi al momento dell’iscrizione, ove gli interessati dichiarino il proprio grado di invalidità
  3. genitori per l'anno di nascita di ciascun figlio, previa autocertificazione
  4. studenti che presentino i requisiti di eleggibilità per il conseguimento delle borse di studio A.Di.S.U. (Agenzia per il Diritto allo Studio Universitario dell’Umbria)

Gli studenti di cui ai punti 1), 2), 3), in caso di accoglimento della richiesta, sono tenuti al pagamento dell’importo di Euro 140,00 relativo alla Tassa regionale per il diritto allo studio universitario ed a trasmettere al Serivizio Segreteria Corsi di Laurea e Didattica la prescritta documentazione.

Per gli studenti di cui al punto 4) si rimanda agli artt. 9 e 13 del Manifesto degli studi.

La richiesta di esonero va presentata entro il 14 ottobre 2016 con le modalità di cui agli artt. 9, 10, 12 e 13 del Manifesto degli studi. È consentita la richiesta oltre la scadenza prevista solo se presentata contestualmente alla iscrizione tardiva o per gravi e giustificati motivi, previa valutazione discrezionale dell’Ateneo.

    Rimborso di tasse e contributi universitari

    Il rimborso di tasse e contributi già versati è subordinato alla presentazione all’Università di una formale richiesta di rimborso. Di norma i rimborsi avvengono, fino ad un importo limite stabilito dalla normativa vigente, per cassa (in contanti), presso la filiale dell'Istituto cassiere dell'Università (Unicredit Banca situata all'interno di Palazzo Gallenga, Piazza Fortebraccio 4, 06123 Perugia, sede dell'Università).

    N.B.: Per gli studenti che presentino i requisiti di eleggibilità per il conseguimento delle borse di studio A.Di.S.U. non necessita la richiesta di rimborso in quanto l'Ateneo procederà al rimborso di somme eventualmente versate in eccesso, a completamento di tutte le verifiche effettuate dall'A.Di.S.U.

    Indicazioni di carattere generale relative ai rimborsi

    • I versamenti effettuati per la immatricolazione o iscrizione al primo anno di un corso di laurea/laurea magistrale, anche se pagati ratealmente, non sono rimborsabili. Relativamente all'iscrizione ad anni successivi al primo, poichè il pagamento della prima rata delle tasse rende manifesta la volontà dello studente di proseguire il Corso di studio intrapreso, il relativo importo non è parimenti rimborsabile, così come le eventuali rate successivamente pagate;
    • Gli studenti che si iscrivono con riserva ad un corso di laurea magistrale in attesa di conseguire entro la sessione di febbraio 2017 il titolo di primo livello, qualora non si laureino entro la sessione di laurea predetta, non hanno diritto al rimborso delle tasse e contributi universitari nel frattempo pagate;
    • Non saranno rimborsati importi versati per erronei calcoli dell’ISEE o per mancata presentazione della relativa attestazione;
    • Nel caso di iscrizione a tempo parziale, lo studente non ha diritto al rimborso di tasse e contributi universitari, qualora non abbia conseguito tutti i CFU che aveva dichiarato di voler conseguire nell'arco di uno o più anni;
    • In presenza di cifre pagate in eccesso o non dovute da parte di studenti, tali somme, previa esplicita indicazione da parte degli interessati, potranno essere considerate quali anticipi di importi da versare in periodi o anni successivi.

    Il rimborso di tasse e contributi già versati all'Università per l'iscrizione è subordinato alla presentazione all'Università di una formale richiesta di rimborso utilizzando l'apposito modulo predisposto dall'Ateneo che può essere richiesto all'Ufficio Segreteria Corsi di Laurea e Didattica e scaricabile alla pagina “modulistica"

    N.B: per gli studenti che presentino i requisiti di eleggibilità per il conseguimento delle borse di studio A.Di.S.U. si rimanda agli artt. 12, 15 e 23 del Manifesto degli studi

    Indicazioni di carattere generale relative ai rimborsi

    1. Non saranno prese in considerazione, salvo casi eccezionali, richieste di rimborso presentate dopo la data di apertura delle iscrizioni all'anno accademico immediatamente successivo a quello di effettuazione del versamento oggetto della richiesta;
    2. La contestualità dell'iscrizione ad anni successivi a quello di immatricolazione, coincidente con il pagamento della prima rata, comporta che il pagamenteo della prima rata, rappresentando la manifesta volontà di iscriversi dello studente, non è rimborsabile. Lo stesso criterio è appilicabile nel caso di versamenti effettuati per la immatricolazione o iscrizione al primo anno di un Corso di Laurea;
    3. Coloro che pur avendo fatto richiesta di laurearsi entro l'ultima sessione di laurea dell'a.a. 2015-2016 e versato la quota prevista per l'iscrizione all'.a.a. 2016-2017, hanno diritto al rimborso delle somme versate a condizione che l'iscrizione non abbia dato seguito ad atti amministrativi;
    4. Agli studenti che si iscrivono con riserva ad un corso di laurea magistrale in attesa di conseguire entro la sessione di febbraio 2017 il titolo di primo livello, qualora non si laureino entro la sessione di laurea predetta, non è concesso il rimborso delle tasse.
    5. Non saranno rimborsati importi versati erroneamente per calcoli dell'ISEE errati o per mancata presentazione dell'ISEE.
    6. Nel caso di iscrizione a tempo parziale, il non raggiungimento dei CFU dichiarati di voler conseguire annualmente, non dà diritto allo studente di chiedere rimborsi di tasse e contributi universitari.
    7. Nel caso di pagamenti in eccesso o non dovuti, è data facoltà agli studenti con carriera universitaria aperta di utilizzare, in luogo del rimborso, le somme già pagate quali anticipi di importi da versare in periodi o anni successivi.