Coronavirus

coronavirus

Informazioni e documentazione

Si rendono disponibili all’utenza tutta per correttezza di informazione, la normativa di riferimento, le disposizioni e i comportamenti da seguire.

 Numeri utili
Numero ministeriale 1500
Numero regionale 800636363
Numero segreteria DIP 0755412432
Numero centralino DIP 0755411

 Referente d'Ateneo per il COVID-19 (pdf)
Ambretta Febbroni
referentecovid@unistrapg.it
tel. 075 57 46 241

IBAN per le donazioni alla Protezione Civile

 Presso l'ambulatorio medico d'Ateneo è possibile fare richiesta, per comprovate ragioni, per tamponi e test sierologici da effettuarsi presso la ASL di Perugia.

Atti interni all'amministrazione legati all'emergenza COVID-19

Le elezioni del Direttore di Dipartimento per il triennio 2020-2022 si terranno mercoledì 2 dicembre 2020 alle ore 13:00, in forma telematica, attraverso l’utilizzo di Microsoft TEAMS, individuata come “l’apposita piattaforma digitale messa a disposizione dall’Ateneo”, ai sensi del “Regolamento per la disciplina delle sedute collegiali in modalità telematica, con efficacia temporanea fino alla cessazione delle misure volte a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso” (emanato con D.R. n. 85 dell'11 marzo 2020)

 DR 342 del 12/11/2020 che autorizza le elezioni del Direttore di Dipartimento in modalità online


Come previsto dal DPCM del 3 novembre 2020, gli insegnamenti per le matricole (primo anno delle lauree triennali e primo anno delle lauree magistrali) proseguiranno in modalità mista, fatte salve le situazioni oggettive di impedimento e/o i casi di didattica a distanza già autorizzati in precedenza. Saranno invece tenute a distanza, sulla piattaforma Microsoft Teams, tutte le altre lezioni.

 Addendum alle “Linee guida generali per la ripresa delle attività didattiche in presenza per il primo semestre dell’anno accademico 2020-2021”: videoregistrazioni delle lezioni

 Le regole per il rientro nelle aule universitarie in sicurezza

 Linee guida generali per la ripresa delle attività didattiche in presenza I semestre 2020-2021 - Fase 3, adottate con DR n. 266 del 21/09/2020

Allegati:
modello di autodichiarazione triage per studenti corsi di lingua (pdf)
modello di autodichiarazione triage per studenti corsi di laurea (pdf)
modello di autodichiarazione triage per soggetti esterni (pdf)


In stretto raccordo con il Dipartimento Prevenzione dell'USL Umbria1, tutte le strutture dell’Università per Stranieri di Perugia hanno attivato le necessarie misure per la prevenzione del contagio da Covid-19. Oggi ciò consente a tutti i nostri studenti di interagire in sicurezza con i docenti e gli addetti ai servizi dell’ateneo, e di seguire le lezioni in presenza nelle migliori condizioni di salvaguardia dal rischio di contrazione del virus.

Per il primo semestre dell’anno accademico 2020-2021 l’Università per Stranieri di Perugia ha adottato una didattica mista, erogata contemporaneamente in presenza e online, sia per i corsi di laurea che per i corsi di lingua e cultura italiana, attraverso l’adeguamento delle strutture tecnologiche presenti nelle aule. Tale doppio binario consentirà di garantire continuità didattica e assistenza a coloro che siano impossibilitati a seguire le lezioni in presenza o per i quali la frequenza in classe non sia prevista.

È chiaro che tale impianto organizzativo deve poter far leva sul senso di responsabilità individuale e civica di ogni studente, e a questo riguardo si invita ognuno di essi a leggere con attenzione tutte le norme, le indicazioni operative ed i suggerimenti contenuti nel documenti che compongono la sezione dedicata all’allerta sanitaria da Covid 19 qui di seguito riportate.


Comunicazione della Rettrice riguardante la riapertura di ottobre (07/08/2020)

L’Università per Stranieri di Perugia si è fortemente impegnata in questo periodo di emergenza sanitaria a garantire la massima continuità alla propria offerta formativa nel rigoroso rispetto delle direttive emanate a livello nazionale a tutela della salute di tutta la comunità universitaria. Insegnamenti, esami, tesi di laurea si sono svolti normalmente grazie ad un supporto tecnologico di buon livello, ricreando per quanto possibile condizioni di normalità in un quadro generale di difficoltà e anormalità che ha contraddistinto, ed ancora purtroppo contraddistingue, il momento attuale a livello nazionale ed internazionale.

L’offerta formativa dell’Università per Stranieri comprende, come è noto, corsi di laurea e laurea magistrale e corsi di lingua e cultura, rivolti a studenti di madrelingua non italiana. Anche questa parte dell’offerta formativa dell’Ateneo è stata garantita e lo è tuttora attraverso l’utilizzo di apposite piattaforme e applicazioni informatiche. L’eterogeneità della popolazione studentesca, degli obiettivi e delle forme dell’apprendimento costituisce da sempre il valore aggiunto del nostro Ateneo, che è Ateneo internazionale e internazionalizzante per il contesto e le opportunità formative che offre ai propri studenti. Ne rende al contempo più complessa la gestione in particolare in un periodo di emergenza sanitaria, quale quello appena affrontato e, ancora oggi caratterizzato da grande incertezza nell’evoluzione della pandemia a livello nazionale ed internazionale.

In questo quadro, obiettivo prioritario dell’Università per Stranieri di Perugia è stato, è e sarà quello di fare tutto il possibile per riprendere la propria attività formativa in presenza per tutti i corsi di laurea e laurea magistrale e per tutti i corsi di lingua e cultura italiana, nella convinzione di poter realizzare pienamente, solo con lo svolgimento in presenza dell’attività didattica, la propria missione formativa.

Questo concetto e questo sforzo costante, è stato più volte ribadito. Ma la ripresa totale dell’attività formativa in presenza non può avvenire, oggi, senza garantire, in termini logistici e di spazi, il rispetto delle norme nazionali sulla sicurezza sanitaria: distanziare almeno di un metro gli studenti nelle classi, riducendone di conseguenza alla metà la capienza; evitare assembramenti; diversificare le vie di accesso e di uscita dalle classi.

In termini di didattica, la ripresa in presenza delle lezioni non può avvenire, oggi, senza garantire la possibilità di seguire le lezioni a tutti: sia agli studenti, in particolare italiani, che potranno essere fisicamente presenti nelle aule, sia agli studenti internazionali che, con molta probabilità e in numero considerevole, potranno collegarsi solo da remoto e ai quali deve essere garantito lo stesso diritto di partecipazione e interazione.

Al problema degli spazi si aggiunge quindi il problema della dotazione tecnologica delle aule, fondamentale per l’erogazione della didattica cosiddetta mista e che richiede che tutte le aule vadano attrezzate in tal senso. Ciò comporta tempo, soprattutto in un momento in cui la filiera produttiva in tutti i settori ha subito, a seguito del lockdown, un drastico rallentamento.

Su questi aspetti, di notevole complessità e responsabilità per l’Ateneo, si è riflettuto, lavorato e discusso nei mesi scorsi, e si continua a studiare e discutere continuamente. È stato fatto il massimo sforzo per conciliare l’esigenza di una ripresa in presenza con quella della tutela sanitaria ricercando soluzioni fattibili e applicabili nel nostro contesto, tenendo conto della ancora attuale e perdurante condizione di incertezza sanitaria. A ciò si è arrivati stabilendo un rapporto costante e fattivo di collaborazione con l’Amministrazione e fra le strutture amministrative e didattiche coinvolte, che molto si sono adoperate nella ricerca delle soluzioni che si è poi deciso di adottare a breve termine, vale a dire per l’inizio del primo semestre.

Il processo di riapertura della didattica in presenza è dunque avviato, in modo graduale e controllato, a garanzia della sicurezza sanitaria di tutti e della qualità della didattica stessa, contando per il secondo semestre, se la situazione sanitaria andrà, come tutti ci auguriamo, migliorando, di poter arrivare ad una riapertura in presenza per tutti i corsi di laurea triennale e magistrale.

Tutta l’Università sta lavorando e si sta impegnando in tal senso per il raggiungimento di questo obiettivo fondamentale e prioritario. La riapertura sarà graduale anche per i corsi di lingua e cultura italiana per la situazione della pandemia a livello internazionale. Dalla fine di settembre ripartiranno a Palazzo Gallenga, per gli studenti stranieri che vorranno e potranno venire a Perugia, le lezioni dei corsi di lingua e cultura, mantenendo al contempo, per chi non potrà frequentare in presenza, le attuali modalità di didattica a distanza.


 Protocollo di sicurezza

Misure organizzative e di sicurezza per l’emergenza epidemiologica da Covid-19 per la Fase 2 e la Fase 3


  Regolamento temporaneo per la disciplina delle sedute in modalità telematica della Commissione relativa alla procedura pubblica di selezione finalizzata alla formazione di una graduatoria di esperti esterni per la correzione degli elaborati DILS-PG, volto a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso, con efficacia fino alla cessazione delle misure straordinarie correlate all’emergenza sanitaria


  Regolamento temporaneo per lo svolgimento degli esami DILS-PG in modalità a distanza - Emanato con DR 142 del 19/05/2020


 Disposizioni per lo svolgimento di stage e tirocini curricolari in situazione di emergenza da Covid19 - 18/05/2020


 Regolamento temporaneo per lo svolgimento degli esami di profitto e delle sedute di laurea in modalità telematica/ a distanza volto a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso, con efficacia fino alla cessazione delle misure straordinarie correlate all’emergenza sanitaria


 Decreto rettorale del 5 maggio 2020 contenente indicazioni in merito allo svolgimento dei tirocini curriculari in modlaità a distanza


  Regolamento disciplinante le modalità di svolgimento del sorteggio da remoto dei componenti delle commissioni giudicatrici per il reclutamento di ricercatori a tempo determinato ai sensi dell’art. 24 della L. 240/2010 e per la chiamata dei professori di ruolo di prima e seconda fascia ai sensi della legge n. 240/2010 - Procedura temporanea in vigenza dello stato di emergenza (Emanato con D.R. n. 124 del 29/04/2020)


 Disposizione Dipartimento n.2 del 27 aprile 2020 (pdf) - sessione straordinaria 8-11 giugno 2020 in modalità telematica


 Piano Straordinario “Lavoro agile – Emergenza Nuovo Coronavirus COVID-19” (PERSONALE AMMINISTRATIVO)


 Circolare del Direttore Generale prot. 0003931 del 23 marzo 2020 "DL n. 18/2020 e DPCM 22 marzo 2020 - Emergenza CORONAVIRUS - chiusura delle strutture dell’Ateneo"


 Circolare del Direttore Generale prot. 0003930 del 23 marzo 2020 "Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 – “Cura Italia”: Ampliamento dei giorni di permesso previsto dalla L. 104/1992. Congedo parentale straordinario per i dipendenti del settore pubblico"


 Decreto rettorale del 19 marzo 2020 contenente indicazioni in merito alle prossime sessioni di laurea e al pagamento della quarta rata dei contributi universitari


 Regolamento temporaneo per la disciplina delle sedute delle riunioni delle commissioni delle procedure di concorso in modalità telematica in occasione delle discussioni pubbliche con i candidati volto a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso, con efficacia fino alla cessazione delle misure straordinarie correlate all’emergenza sanitaria (emanato con D.R. n. 93 del 16 marzo 2020)


 Regolamento per la disciplina delle sedute collegiali in modalità telematica, con efficacia temporanea fino alla cessazione delle misure volte a fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso (emanato con D.R. n. 85 dell'11 marzo 2020)


Lettera della Rettrice - 20/03/2020

Cari tutti,

in un momento di difficoltà grave per il paese e per la comunità universitaria tutta, desidero informarvi di quanto l’Università per Stranieri di Perugia sta facendo per assicurare continuità e futuro a tutte le nostre attività cercando, per quanto possibile, di garantire “normalità” nella “anormalità” nella convinzione che potremo superare questi giorni difficili e riprendere i ritmi abituali della nostra vita e del nostro lavoro.

Questo deve essere il nostro obiettivo, questa la convinzione forte che deve dare un senso ai sacrifici e allo sforzo che tutti stiamo compiendo nel quotidiano.

In questo senso ci stiamo impegnando cercando nella difficoltà sollecitazioni positive e accettando la sfida di ripensare modalità e aspetti della nostra attività che d’ora in avanti entreranno a far parte delle nostre competenze e dei servizi che l’Ateneo sarà in grado di offrire alla comunità studentesca e, più in generale, alla varia e ampia utenza dell’Università per Stranieri.
L’emergenza non ci ha colti impreparati. Avevamo acquisito negli anni gli strumenti e la tecnologia necessari per avviare la didattica a distanza, dimostrando in questo lungimiranza e visione in prospettiva.

Il contratto con Microsoft per l’utilizzo di diverse applicazioni ci garantisce oggi, attraverso Teams, un servizio e un supporto tecnologico di ottimo livello che ci ha consentito di mantenere immutato il calendario didattico del secondo semestre dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale avviando, in un fine settimana, grazie alla fondamentale collaborazione dei nostri esperti informatici e di colleghi anch’essi esperti nel settore, procedure e formazione di base a tutti i colleghi sull’utilizzo dell’applicazione Teams.

Abbiamo ricevuto un feedback positivo dai nostri studenti, che hanno potuto continuare il loro percorso formativo senza perdere un solo giorno di lezione. Per tutti noi, docenti, dipendenti amministrativi e studenti, è stato importante riuscire a tenerci uniti, sebbene a distanza, garantendo continuità al nostro lavoro.

Tutto potrà essere migliorato con il tempo, le modalità didattiche potranno essere riviste e approfondite, ma è stato un successo, possiamo dircelo e possiamo andarne orgogliosi.
Grazie a tutti, docenti e amministrativi, per questo sforzo comune. Grazie agli studenti che hanno accettato di buon grado la nuova modalità didattica dimostrando solidarietà e spirito di collaborazione.

Obiettivo di questi giorni di grande impegno sul fronte amministrativo, è anche quello di garantire, per quanto possibile, continuità, seppure in modalità a distanza, ad altri adempimenti che costituiscono parte integrante delle normali attività dell’Ateneo, quali, consessi, consigli, selezioni, riunioni di commissioni, provvedendo a garantirne la regolarità formale con i relativi regolamenti. In questa stessa direzione si sta procedendo anche per quanto riguarda esami e sedute di laurea. Per agevolare la conoscenza e relativa comunicazione di ogni atto interno emanato in tal senso verrà creata all’interno del sito d’Ateneo una pagina dedicata.

Garantire la continuità delle attività dell’Ateneo, oltre ad essere nostro dovere, ci consentirà, quando questo sarà possibile, di poter ripartire senza ulteriori carichi di lavoro.

Anche nel settore dei Corsi di Lingua e Cultura italiana, si stanno già utilizzando, dalla scorsa settimana, modalità di didattica a distanza attraverso l'uso della piattaforma LoL a cui vengono integrate le altre tecnologie Social: Facebook, Whatsapp, Skype. Tali modalità garantiscono un costante contatto con i nostri studenti iscritti ai Corsi. Contatto molto importante in questo momento anche per loro particolarmente difficile.

Si sta inoltre completando in questi giorni, attraverso tutorials dedicati, la formazione dei colleghi che insegnano nei Corsi di Lingua e Cultura sull’utilizzo dell’applicazione Teams. Già oggi buona parte dei Corsi viene offerta anche in questa modalità.

Un'operazione impegnativa in quanto, in particolare per i Corsi di Lingua e Cultura, vanno completamente riviste modalità didattiche e va appositamente creato materiale di supporto.

La Commissione per i Corsi di Lingua e Cultura italiana, costituita a seguito di delibera dipartimentale, sta molto lavorando a questa nuova organizzazione collaborando con gli esperti informatici e con gli uffici di supporto ai Corsi.

L’obiettivo è quello di riconvertire, in un tempo ragionevole, la didattica frontale in didattica a distanza per poter affrontare nei prossimi mesi la più che probabile mancanza di studenti in presenza. Nella difficoltà di questo periodo, dobbiamo saper cogliere l’opportunità di potenziare aspetti del nostro lavoro legati all’utilizzo delle nuove tecnologie. Potremo così disporre di un patrimonio di competenze fondamentale anche in futuro, una volta tornati alla normalità.

Insieme alla Commissione, tutti i colleghi che insegnano nei Corsi di Lingua e Cultura si stanno impegnando al massimo, consapevoli dell’assoluta emergenza e della necessità di continuare ad offrire un servizio che risponda alla finalità istituzionale e alla stessa ragione di essere dell’Università per Stranieri di Perugia.

A loro, tutti, al personale tecnico amministrativo coinvolto, alla Commissione e ai colleghi che la costituiscono, il grazie più sincero e convinto.

Ci si propone in questo modo di mantenere vivo negli studenti, non di madrelingua italiana, l’interesse nei confronti della lingua e della cultura italiana e dell’Università per Stranieri, nei confronti della nostra città di Perugia, della nostra regione dell’Umbria, dell’Italia, delle bellezze naturali e artistiche che il nostro prezioso territorio esprime.

Anche su questo fronte dobbiamo essere pronti a ripartire, a ospitare nuovamente, quando questa emergenza sarà superata, i nostri studenti provenienti da ogni parte del mondo, a soddisfare quel bisogno di bellezza e di umanità che l’Italia sa esprimere in modo unico e mirabile e che l’Università per Stranieri di Perugia nei suoi quasi 100 anni di storia ha saputo così bene trasmettere.

In questa ultima settimana, la Direzione Generale con la collaborazione degli uffici di supporto ha provveduto ad organizzare per molte strutture amministrative forme di lavoro agile, garantendo la continuità dei servizi essenziali e facendosi al contempo carico della tutela delle persone. Alcuni di questi servizi vengono garantiti attraverso la presenza a turno in Ateneo di unità ridotte di personale. In questa ottica di tutela collettiva e al contempo di risparmio di risorse, in un periodo in cui l’attività è necessariamente ridotta, si è decisa la chiusura di Palazzo Gallenga e delle Palazzine al Parco Santa Margherita a partire dalle ore 14.00.

L’Università per Stranieri continua le sue attività nelle modalità che ho cercato di descrivere sinteticamente, consapevole della gravità della situazione, delle responsabilità che ne derivano, cercando di bilanciare la tutela dei singoli con la necessità di garantire continuità all’attività dell’Ateneo, nella convinzione che il paese e tutti noi saremo in grado, grazie al nostro impegno, di superare questo periodo di grave difficoltà.

Concludo rivolgendomi agli studenti tutti, ai loro rappresentanti: grazie per il senso di responsabilità, per la collaborazione e soprattutto grazie per la vicinanza e l’attaccamento all’Ateneo, che mai avete fatto mancare.

In questo momento restare a casa è un dovere nei confronti degli altri e di noi stessi, garantendo al contempo, nei modi oggi possibili, la nostra presenza e il nostro contributo per l’Istituzione.

Con questo messaggio, unitamente al Direttore Generale, vi salutiamo e vi ringraziamo tutti sperando che presto ci si possa incontrare di nuovo nei luoghi quotidiani del nostro lavoro.

Giuliana Grego Bolli


 Servizi per studenti con disabilità e DSA: misure urgenti coronavirus

Attivo il servizio a distanza della Commissione per l’integrazione ed il sostegno di studenti con disabilità e DSA attraverso colloqui telefonici, Skype call, Microsoft Teams ed e-mail.

 Services for students with disability and Specific Learning Difficulties (SpLDs): Coronavirus, urgent measures

Online service of the Committee for integration and support of students with disability and with SpLDs is active by telephone, Skype, Microsoft Teams and e-mail.



Comunicazione della Rettrice

Carissime, Carissimi,
in accordo con le autorità ministeriali, regionali e comunali, l’Università per Stranieri di Perugia sta adottando tutte le misure precauzionali necessarie per scongiurare la diffusione del Coronavirus COVID-19, a tutela del personale che lavora nelle nostre sedi, degli studenti e dell’intero territorio.
La nostra Università ha partecipato ai tavoli che le istituzioni locali hanno convocato e ha inoltre organizzato a Palazzo Gallenga, lo scorso 26 febbraio, una riunione per fare il punto sulle azioni sinora intraprese dall’Ateneo.
Gli studenti provenienti dalla Cina sono stati aiutati a sottoporsi ai controlli sanitari necessari e nessuno di loro è risultato positivo al virus, così come anche gli studenti stranieri provenienti da altri paesi asiatici. Abbiamo scrupolosamente seguito le indicazioni fornite dal Ministero della Salute per gli studenti in arrivo e in partenza per la Cina.
Desidero ringraziare quanti hanno lavorato e stanno lavorando per garantire il benessere collettivo, in particolare il medico territoriale competente per l’Università per Stranieri, i medici del servizio ambulatoriale interno all’Ateneo e tutto il personale amministrativo e docente. In questo momento così delicato, è importante che tutti collaborino rispettando le indicazioni fornite dall’Istituto Superiore di Sanità e quelle della Regione Umbria.
Abbiamo creato questa pagina sul portale d’ateneo per fornire a tutti un’informazione chiara e dettagliata. Aggiorneremo tempestivamente la pagina qualora ci fossero novità da segnalare. Permettetemi infine di sottolineare la risposta di grande civiltà che la nostra comunità perugina ha dato in queste settimane di preoccupazione. Non ci sono stati, in città, episodi di discriminazione verso gli studenti cinesi, che hanno invece ricevuto piena solidarietà e sostegno. La nostra comunità ha reagito con compostezza e senso della responsabilità. Sono certa che questo sia lo spirito giusto per superare ogni momento di difficoltà e far vincere le ragioni della mutua solidarietà in tutta la nostra cittadinanza.

La Rettrice


Comunicazione della rettrice a seguito delle decisioni prese dal Governo lo scorso 4 marzo e formalizzate con il D.P.C.M. emanato nello stesso giorno - Perugia 06/03/2020

A seguito delle decisioni assunte dal Governo il 4 marzo scorso (D.P.C.M. 4 marzo 2020, Coronavirus), comunico quanto segue:

  • Sino al 15 marzo sono sospese tutte le attività didattiche in presenza, comprese le esercitazioni, i tirocini interni e gli stage studenteschi attivi presso le strutture dell’Ateneo;
  • L’attività di ricevimento degli studenti da parte dei docenti verrà garantita a distanza, in forme concordate;
  • Le biblioteche d’ateneo e gli spazi destinati allo studio rimarranno chiusi (urgenti esigenze di prestito da parte dei laureandi dovranno essere formulate via email alla biblioteca);
  • Nel periodo indicato nel D.P.C.M. richiamato, l’accesso alle sedi dell’Università per Stranieri di Perugia verrà regolato secondo le disposizioni in materia, volte a garantire la sicurezza degli utenti e del personale in servizio;
  • Nelle attività degli uffici che offrono servizi agli studenti vanno privilegiate modalità a distanza, vengono comunque garantiti servizi in presenza nel rispetto della normativa vigente, volta a garantire la tutela degli utenti e del personale;
  • I servizi tecnici ed amministrativi resteranno garantiti per tutto il periodo indicato nel D.P.C.M. varato il 4 marzo scorso dal Governo, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie in esso richiamate;
  • Da lunedì 9 marzo prossimo le lezioni frontali dei corsi di lingua e cultura Italiana, dei corsi di laurea e dei corsi di dottorato verranno sostituite da lezioni a distanza, erogate secondo procedure che verranno comunicate agli studenti entro la settimana corrente;

Suggerisco pertanto agli studenti di consultare con frequenza il sito d’Ateneo e la posta elettronica per gli aggiornamenti che verranno loro comunicati.
Invito gli studenti e le loro famiglie a considerare il carattere prudenziale e temporaneo di tali provvedimenti quale prova di responsabilità nei loro confronti e nei riguardi della comunità sociale tutta.

La Rettrice
Giuliana Grego Bolli


 Aggiornamento sulle misure di prevenzione dal contagio di coronavirus

Comunicato stampa d'Ateneo - 27/02/2020

Atti e norme del Governo

 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 3 novembre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 24 ottobre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 18 ottobre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 13 ottobre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»


 Delibera del Consiglio dei Ministri - 7 ottobre 2020

Proroga dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 7 settembre 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 7 agosto 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 11 giugno 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.


 Decreto legge n.34 del 19 maggio2020

Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.
Per quanto riguarda l'università si rimanda agli articoli 236-237-238.


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 17 maggio 2020

Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.


 Il post “lockdown” e le nuove Fasi 2 e 3 per il sistema della formazione superiore e della ricerca - 4 maggio 2020 - Ministero dell'università e della ricerca


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 26 aprile 2020


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 10 aprile 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 1° aprile 2020

Misure urgenti di contenimento del contagio: proroga al 13 aprile


 D.L. 25 marzo 2020, n. 19 "Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19"


 Circolare INPS n. 45 del 25 marzo 2020


 Istruzioni per l'uso corretto dei DPI/PPE (Dispositivi Protezione Individuale/Personal Protective Equipment)


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 22 marzo 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 17 marzo 2020

Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 11 marzo 2020

Ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 sull'intero territorio nazionale


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 9 marzo 2020

Nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale


miniatura del poster

 Nuovo Coronavirus, il vademecum. Cosa fare in caso di dubbi - 9 marzo 2020

Realizzato con l’Istituto superiore di sanità e il Centro europeo di prevenzione e controllo delle malattie, il vademecum risponde ai dubbi e alle preoccupazioni più frequenti e affianca le raccomandazioni per la prevenzione


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 8 marzo 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A01522) (GU Serie Generale n.59 del 08-03-2020)


miniatura del poster

 Covid-19. Raccomandazioni per la prevenzione

Presentate il 5 marzo dal professor Silvio Brusaferro nel corso della conferenza stampa presso la Protezione civile che ha tenuto insieme al Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 4 marzo 2020

Misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus


 Garante Privacy: no a iniziative "fai da te" nella raccolta dei dati

Soggetti pubblici e privati devono attenersi alle indicazioni del Ministero della salute e delle istituzioni competenti


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - 1° marzo 2020

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19


 Ordinanza del Presidente della Giunta Regionale 26 febbraio 2020, n. 1

Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica daCOVID-2019. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978,n. 833 in materia di igiene e sanità pubblica.


 Dieci comportamenti da seguire per prevenire il contagio

Aggiornato dal Ministero della Salute il 24 febbraio 2020


 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2020

Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A01228)


 10 comportamenti da seguire

Testi rielaborati dalla Task Force Comunicazione ISS su fonti di Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) e Istituto Superiore di Sanità (ISS)


 Indicazioni per la gestione degli studenti e dei docenti di ritorno o in partenza verso aree affette della Cina

Circolare del Ministero della Salute


 Indicazioni della Regione Umbria per ridurre il rischio di infezione da Coronavirus